Inventa un Film
  Articoli     
 


Iscritti
 Utenti: 435
Ultimo iscritto : lupoalato
Lista iscritti

Visitatori
Visitatori Correnti : 31
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Accessi

 
Le schede dei corti partecipanti al 5° concorso Inventa un Film Lenola 2002
Inserito il 24 agosto 2004 alle 20:16:06 da Admin.

Inventa un Film Lenola 2002: Tema: Realtà... Fantasia

Quinto Concorso Internazionale Inventa un Film

LENOLA 14 – 17 MARZO 2002

I PREMIATI

Primo Premio: Sem terra senza terra di Elisabetta Pandimiglio e Cesar Meneghetti (Roma), Secondo Premio: “La luna ci guarda” di Matteo Oleotto (Gorizia) Terzo Premio: “Sorelle” di Stefano Pasetto (Roma), Miglior interprete: Giorgio Trestini per il film “Bocca di Rosa” di R. Marchesini (Bologna), Miglior regia: “Sorelle” di Stefano Pasetto (Roma), Migliore colonna sonora originale: Zuf de Zur: film “La luna ci guarda” di Matteo Oleotto, Migliore sceneggiatura (Premio Provincia di Latina): “Sorelle” di Stefano Pasetto (Roma), Miglior soggetto: “Sem terra senza terra” di Pandimiglio e Meneghetti (Roma), Migliore fotografia: Sonia Antonini: film “Sorelle” di Stefano Pasetto (Roma), Miglior montaggio: “Sem terra senza terra” di Meneghetti e Pandimiglio (Roma), Premio Messaggio Importante Comune di Lenola: “Change the world” di Riccardo Costa (Bologna), Il premio Banca Popolare di Fondi: una scuola per il cinema è stato ottenuto dalla Scuola Materna di Via Arno di Frosinone con il filmato “Freccia King (s’è inverato)”“Unico film fuori concorso selezionato”: “In nome del Capitano Poggiali” di Fabio Poggiali

Per informazioni sulla manifestazione
inventaunfilm@inventaunfilm.it
Ermete Labbadia (340/8014229)



RISULTATI DELLA SELEZIONE

Cortometraggi provenienti dall’Italia: 215
I selezionatori hanno deciso di ammettere alla fase finale del concorso 21 cortometraggi scegliendoli in base al valore tecnico – artistico, all’aderenza al tema proposto, e al messaggio voluto dare dagli autori. A queste 21 opere si affiancheranno in finale i 4 cortometraggi migliori della sezione Cinema che verrà…, il vincitore del Premio Banca Popolare di Fondi una scuola per il cinema, i migliori tre filmati di animazione (Inventa un Cartoon) e i due vincitori della sezione Idea Sud Lazio.

INVENTA UN FILM LENOLA: IL CONCORSO DI CORTOMETRAGGI A TEMA PIU' IMPORTANTE D'ITALIA.
INFO: inventaunfilm@inventaunfilm.it



BOCCA DI ROSA
di Riccardo Marchesini (Miglior interprete: Giorgio Trestini)

Sinossi: Sono gli anni 70 quando il successo della televisione sembra cambiare le sorti di un piccolo e modesto cinema di periferia a gestione familiare. Quando il pubblico inizia a disertare la sala e tutto pare volgere al peggio, giunge in paese un improbabile impresario, destinato a stravolgere il destino del cinema e del paese stesso…
Bocca di rosa è una storia a cavallo tra la realtà e la finzione, tra passato, presente e futuro di una comunità e dei suoi personaggi principali che, incarnandola, in qualche maniera la rappresentano. E’ un film sui costumi che cambiano nel tempo e sul tempo che cambia i costumi della gente.(R.M.)

Regia e sceneggiatura: Riccardo Marchesini
Musica: Paolo Emilio Marrocco
Fotografia: Luigi Martinucci
Montaggio: R. Marchesini, Maria Claudia Rossi
Interpreti: Vito (Narratore), Luciano Manini,
Carla Astolfi,Giuliana Nanni, Giorgio Trestini,
Marina Pitta, Romano Danielli, Paolo Bondioli
Produzione: Giostra Film; Durata: 29’; DV-Cam

Riccardo Marchesini è stato collaboratore di Pupi Avati e aiuto regista di Sergio Citti.Tra i maggiori riconoscimenti ottenuti dall’autore ricordiamo: il Giglio Fiorentino d’Argento al 49° Cinema Fedic di San Giovanni Valdarno, la segnalazione ottenuta al X Fano Film Festival, la segnalazione della giuria e il III° Premio del Pubblico al XXIX Festival Opere Nuove di Bolzano con Un mercoledì da saponi; Il Primo Premio all’XI Fano Film Festival con Un volo nella notte; il Mellor Video al 13° Festival del Cinema di Girona nell’ottobre scorso con Bocca di Rosa.


ALI
di Erika Pascucci

Sinossi: Leo scopre per caso Sara che sta danzando. Comincia a spiarla e vede agitarsi un paio d'ali nella sua ombra…

Regia e Sceneggiatura: Erika Pascucci
Musica: Lilio Rosato
Fotografia: Marco Carosi
Montaggio: Juan Gambino e Andrea Tubili
Interpreti: Alessandra Tammetta,
Mario Articoli, Francesca Alt.
Produzione: Dantone - Caldiero
Durata: 12'; mini dv
Anno: 2001; Distribuito da Coxackie


A MILLE CE N’E’
di Paola Bocci

Sinossi: C’era una volta, in una piccola cittadina di provincia, una signora che, ogni giorno, osservava dalla finestra del suo vecchio palazzo le persone che passeggiavano nella piazza sottostante, nella convinzione di essere l’oggetto delle loro conversazioni.

Regia: Paola Bocci
Sceneggiatura: Paola Bocci e Gabriele Grasselli
Musica: Mario Mariani
Fotografia: Cesare Bastelli
Montaggio: Paola Bocci e Sabrina Foti
Interpreti: Gianna Breil, Paolo Bocelli
Luciano Manzalini; 35 mm
Produzione: Altamarea Film; Durata: 15’.

Paola Bocci, dopo la laurea in Architettura, si diploma in montaggio presso la “Civica Scuola di Cinema” di Milano. Partecipa alle attività di “Ipotesi cinema”, scuola – laboratorio fondata e diretta da Ermanno Olmi. Ha lavorato come prima assistente al montaggio per il film di Maurizio Zaccaro “Kalkstein – La valle di Pietra” (1992) e nei film di Olmi “Il segreto del bosco vecchio” (1993) e “Genesi. La creazione e il diluvio” (1994). Con il corto “Luce Nera” ha vinto nel 1995 a Bruxelles (Fantasy Film Festival) il Premio delle TV europee per la migliore sceneggiatura. Mille ce n’è è stato presentato in concorso ad Atlanta (D-I-F-F), ad Avanca in Portogallo, a Lleida in Spagna, a Bologna (Visioni Italiane), a Siena (Visionaria). A Canzo ha ottenuto il Premio Videotecnica.


CANDILLA
di Francesco Dominedò

Sinossi: La storia è la cronaca digitale di una tesaurizzazione: uno sviluppo processuale, un’esecuzione, una resurrezione. Candilla corrisponde la sua confessione, elusiva e contraddittoria e attendibile, alla soggettiva dell’inquisitore. Piuttosto un soliloquio in forma di delirio letterario il cui ritmo è scandito da rumori e dall’incedere di passi verso di lei e, poi, attorno a lei.
L’atmosfera è sprofondata immaginifica – metafisica – metallica e tuttavia iperReale.
Candilla è livida insanguinata stremata stanca e disposta a tutto. Disposta anche ad accettare, al contrario di Herr K, la sua condizione di colpevolezza. Ma chi ha violato il corpo nudo di Candilla?
Un processo indiziario che, mentre le onde ossessive della narrazione allucinano l’inquisita, si trasformerà in un processo iniziatico vero e proprio.

Regia e Sceneggiatura: Francesco Dominedò
Musica: Omino Stanco
Fotografia: Joseph Arena
Montaggio: Consuelo Catucci
Interprete: Isabella Santacroce (Mithrea)
Voce: Mia Benedetta
Produzione: xgonzocrudox & orange.
Durata: 4’27’’; Betacam SP

CANDILLA è stata selezionata alla XXXVII Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro.
Ha inaugurato fuori concorso AnteprimaAnnoZero Film Festival di Bellaria 2001.
Ha avuto la Menzione della Giuria alla 13° edizione del FanoFilmFestival.


CHANGE THE WORLD
di Riccardo Costa (Premio Messaggio Importante)

Sinossi: Sara sta cercando di aiutare Jack, il suo migliore amico, che sta attraversando un periodo molto difficile della sua vita che è culminato in un attentato suicidio.
Attraverso una dialettica conversazione e uno scambio di positivi sentimenti, che mette in discussione le loro personalità e desideri , immaginano come vorrebbero cambiare il mondo se ne avessero la possibilità. A loro insaputa, un satellite trasmette la loro voce su New York, e qualcosa comincia ad accadere.

Regia e Sceneggiatura: Riccardo Costa
Musiche: Graziano Bruni
Direttore della fotografia: Tracey Gudwin
Interpreti: Annamaria Cianciulli, Riccardo Costa,
Graziano Bruni, Maria Clara Costa,
Alessio Giorgetti; 16mm
Produttori: Daniel Lir., Riccardo Costa ; Durata: 8’35’’

Riccardo Costa si è laureato a pieni voti in Film & Television Production presso la New York University. In occasione del Pavarotti & Friends del 1998, Costa ha incontrato Spike Lee, che stava girando il video del concerto, ed è diventato il suo assistente alla regia per lo stesso. Successivamente Spike Lee l’ha richiamato a New York per lavorare con lui in Summer of Sam e successivamente come suo assistente personale. Change the world è stato presentato alla New Directors Competition, al New York International Independent Film e Video festival, all’Arcipelago Film Festival, all’ultima edizione del Fano Film Festival.


FROZEN
di Samantha Casella

Sinossi: Un ragazzo si sente perseguitato dal continuo riproporsi di un’ambigua presenza. Sarà l’inizio di un incubo che raggiungerà il suo culmine quando ammetterà a sé stesso che…

Regia e sceneggiatura: Samantha Casella
Fotografia: Emilio Bagnasco e Francesca Francisci
Montaggio: Cristiano Gazzarrini
Interpreti: Giulia Vanni e Matteo Cecioni
Produzione: Samantha Casella e Scuola di Cinema
Immagina Durata: 9’ ; Betacam
Distribuito da Coxackie

Frozen ha vinto la miglior regia al Premio europeo Massimo Troisi, si è classificato al secondo posto al festival di Nettuno dove ha vinto la miglior sceneggiatura, la miglior colonna sonora, la miglior scenografia e il premio “Miglior costumi”. Frozen ha partecipato alla selezione del Festival Internazionale del Cinema di Venezia. Con un altro cortometraggio (Juliette) Samantha Casella ha ottenuto molteplici riconoscimenti in vari festival (Tirrenia, Lido di Camaiore, Ferentino, Nettuno, Salerno) con segnalazioni anche a Roma (Premio Excelsior), Verona, San Giovanni Valdarno.
A Samantha Casella sono state commissionate regia e sceneggiatura di un documentario commerativo su Kieslowski, realizzato tramite finanziamenti europei.


I LOVE YOU
di Mauro Rita

Sinossi: Cosa è l’amore? Forse nessuno veramente lo sa! Ognuno di noi ha la sua idea personale: per alcuni è l’unico motivo per cui vivere, il significato stesso della vita, per qualcuno è un’illusione, per altri è condividere, per alcuni è…

Regia, Sceneggiatura e Montaggio: Mauro Rita
Interpreti: Marco Lunghi, Roberto Gelo,
Claudio Mazzeschi, Gunter Rieber,
Bo Quentin Rieber, Lorenzo Ratisti,
Maria Venturi, Cesare Barbaro, Rita Nesi,
Gianna Giovannini, Maria Frilli,
Umberto Arciero, Carlo Moranti,
Aldo Celentano. Durata: 3’

Mauro Rita lavora in un cinema cittadino come proiezionista


LA COLAZIONE
di Elena La Ferla

Sinossi: E’ possibile svegliarsi una mattina, magari dopo un bel sonno tranquillo, e farsi assalire da paure e eventi che, nel giro di pochi minuti, ti fanno esplodere cumuli di angosce? E’ quello che accade a Clara, che una mattina al suo risveglio non trova più il suo uomo.

Regia e Sceneggiatura: Elena La Ferla
Musica: Roy Paci
Fotografia: Nicola Saraval
Montaggio: Pierpaolo Pessini
Interpreti: Erika Urban, Nicola Innocenti
Produzione: Santiago Cinematografica
e Performa; Durata: 10’21’’; Mini DV

2001 – Collabora per la rubrica culturale della rivista di architettura “COSTRUIRE”
1999 – Videoclip musicale “Uscita Inferno Sud” de OLTRE IL SILENZIO
1999 – Documentario industriale “La Calce” scritto e diretto
1999 – Fonda ad Augusta la società di produzione indipendente “Performa”
1998 – Laurea in Architettura, UNIVERSITA’ DEGLI STUDI “LA SAPIENZA” Roma
1997 – “2° Corso di Formazione per Sceneggiatori” a cura di G. Ventriglia, F.Scardamaglia, D. Marks – RAICINEMAFICTION – Roma
1997 – Assistente alla regia per “Leo e Beo” di Rossella Izzo


LA CURA
di Carmine Genovese

Sinossi: Esiste una cura per una donna…che non accetta…il tempo che passa…

Regia e sceneggiatura: Carmine Genovese
Fotografia: Carmine Genovese – Michele Miele.
Montaggio: Carmine Genovese – Max Video
Interpreti: Pasqualina Allocca, Antonietta Rimoli,
Massimo Iovino.
Produzione: CRI.MI.NE PRODUCTION
Durata: 10’50’’ VHS

Filmografia:
IL PECCATO (Enzimi –Roma-, Berlino, Taranto Festival, International Short Film di Oberhausen).
CIPOLLA (Sacher Festival di Nanni Moretti, 2° al 4° festival nazionale Monique Barberini, partecipa al 15° Festival Internazionale Cinema Giovani di Torino, O’curt – Napoli -, fra i primi cinque al Festival Massimo Troisi).
I PROMESSI SPOSI (Vincitore Premio Massimo Troisi sezione scolastica, Menzione Speciale al Letojanni in corto)
LA CURA: Partecipa a Lenola al suo primo festival.


LA FACCIA CHE FAI QUANDO ESCI DAL PARRUCCHIERE
di Angela Ciampagna

Sinossi: Una mattina una donna saluta la famiglia per andare, come sempre da anni, dalla sua parrucchiera di fiducia. Durante la seduta la signora medio – borghese avrà delle visioni (forse non proprio errate) dei componenti della sua famiglia e scopriremo che quella che definisce una famiglia dove tutto “va splendidamente bene” è tutt’altro che un posto dove regna la serenità. Ma il dramma è sociale, perché sono la dilagante superficialità e l’ipocrisia che generano queste brutture. I due personaggi di apertura sono parti contrastanti presenti in ognuno di noi e la proposta che il sig. Es propone all’Io è proprio quella di lavorare sulle tematiche sopra esposte servendosi di un cortometraggio, ma l’altro non sembra particolarmente convinto; chi ha vinto però lo sappiamo: è il primo, visto che oggi il corto esiste…

Regia e Sceneggiatura: Angela Ciampagna
Fotografia: Michele D’Attanasio
Montaggio: Michele Ceppi
Interpreti: Gianna Cotti, Leo Mantovani; Lele,
Depa, Ika, Federico Mello, Ale Maga,
Federica Arienti, Laura Raccomandi.


Il cortometraggio La faccia che fai quando esci dal parrucchiere è il primo lavoro da filmmaker di Angela Ciampagna.


LA FESTA DEI DESIDERI
di Vito Palmieri

Sinossi: In una festa d’alta classe una donna immagina di uccidere suo marito. Il litigio porterà la morte del marito. Ma forse sarà pura fantasia…

Regia: Vito Palmieri
Sceneggiatura: Vito Palmieri e Davide Colferai
Musica: Enrico Cacacie
Fotografia: Luigi Martinucci
Montaggio: Michele D’Attanasio
Interpreti: Verdiana Battaglia e Mario Susich
Produzione: Palmieri – Colferai; Durata: 7.14

Filmografia e premi ottenuti: Voi così tanti, io così solo: 5° Premio (Videocinema e Scuola) Pordenone; Effetto Zeigarnik: Menzionato al Fano Film Festival – 2° Premio al Festival Inventa un Film Lenola 2001; La festa dei desideri selezionato a Valdarno (2001).


LA LUNA CI GUARDA
di Matteo Oleotto (Secondo classificato – Miglior colonna sonora originale)

Sinossi: Questo cortometraggio, ispirato ad una leggenda originale, racconta la storia dell’incontro tra un vecchio pescatore e alcune donne di paese che di notte si radunavano in un bosco magico. Il pescatore dopo aver assistito, apparentemente inosservato, ad uno di questi raduni notturni di donne anziane e giovani, decide di prendere con sé, per ricordo, uno dei fiori presenti in quel bosco. Ma il mattino seguente, sulla strada che conduce al paese, l’improvvisa apparizione di fronte a lui, di una delle donne anziane della sera prima e il breve dialogo con essa, inducono il pescatore a tornare nel bosco forse per cercare di afferrare quello che la notte prima aveva solo visto ma che non era riuscito a comprendere. Il fiore però presto gli sfugge di mano librandosi nell’aria, per restituirgli solo un grande petalo, unico segno con cui l’uomo potrà forse avvicinarsi al segreto di quella notte.

Regia: Matteo Oleotto
Sceneggiatura: Lorenzo Mucci
Musica: Zuf de Zur
Fotografia: Radovan Cok
Montaggio: Luciana Pandolfelli
Interpreti: Ariella Reggio,
Franco Ferrante, Omero Antonutti
Produzione: Kairos Centro Prod. Video
TRANSMEDIA s.p.a.; Durata: 13’; 35mm

“La luna ci guarda” è stato selezionato al festival di Bruxelles e ha ottenuto una menzione speciale alla Mostra del Cinema Friulano.


LA GUERRA DEL RE
di Sergio Sciarra

Sinossi: E’ il 9 settembre del ’43. Un soldato italiano è in fuga per far ritorno a casa. Per le strade di un paese spettrale incontrerà i civili: soli, smarriti e soprattutto crudeli. E poi un “angelo” dai capelli rossi, una creatura umana chissà perché ancora incontaminata.

Regia: Sergio Sciarra e Marina Antonelli
Sceneggiatura: Sergio Sciarra
Musica: Giancarlo Salce
Fotografia: Daniele Baldacci
Montaggio: Gianluca Stuard
Interpreti: Milo Vallone, Camillo De Leonardis,
Vanis Di Nino, Luigi Ciavarelli, Massimo Mille,
Mariapia Di Domenico, Giacomo Vallozza,
Giulia Basel.


Filmografia e premi ottenuti:
1998 – IRONY. Premiato a Roma col Premio Excelsior per il miglior soggetto.
2000 – LA GUERRA DEL RE. Premiato a Roma nel 2001 col Premio Excelsior del presidente della Repubblica.


LEZIONI DI VOLO PER GIOVANI DELFINI
di Alessandro Bettero

Sinossi: Gigi e Marina vivono insieme in un monolocale. Lui fa il bibliotecario e ha velleità artistiche; lei fa la guardia notturna. Sullo sfondo una società in cui domina il mito della competizione e della produttività esasperata. Marina, già in preda ad una grave crisi depressiva, cede e si suicida. Gigi apre gli occhi per la prima volta nella sua vita, e rompe con la realtà. Solo, in riva al mare richiama i gabbiani con un fischietto. Poco lontano c’è un istruttore – filosofo che insegna ad alcuni giovani l’arte del volo: è la rivelazione che Gigi aspettava…
Molti “voli” dopo, rivediamo Gigi ormai anziano. Sta scoprendo uno scoglio. La sua opera rappresenta un delfino, l’avatar della sua nuova musa. Gigi, ha imparato a guardare il mondo da un’altra prospettiva e ha ritrovato l’amore per la vita e per l’arte.

Regia e Sceneggiatura: Alessandro Bettero
Musica: Giovanni Polloni
Fotografia: Giuseppe Vassallo
Montaggio: Nikola Duper
Interpreti: Gabriele Goria, Michela Degano,
Angelo Nin Scolari, Salvatore Esposito,
Ilaria Barina, Sergio Dal Gesso, Carlos Echevarria.
Produzione: Alessandro Bettero; Durata: 18’

Fiction: Aiuto regista e attore: OFELIA di Marco Bellocchio. Festival internazionale del Cinema di Locarno, 2000; Festival del Cinema di Kyoto; Sceneggiatore e regista: LEZIONI DI VOLO PER GIOVANI DELFINI; Sceneggiatore e assistente alla regia: LE MIE RADICI, Regione del Veneto, regia di Antonello Belluco. CON GLI OCCHI DEL CUORE, interpretato da Luca Barbareschi, Debora Quadri, Greta Carrara, regia di Antonello Belluco, Inventa un Film 2001 (Unico film fuori concorso selezionato).
Spot e Clip: Assistente alla regia: Io non m’annoio (Jovanotti), Acquafresh, Stefanel, SanBitter, Avvicinarsi all’euro.


MACCHERONI AMARI
di Giovanni Truppa

Sinossi: La storia racconta l’intrecciarsi delle vite di un barbone, di una coppia che sta perdendo la casa e di uno speculatore senza scrupoli.
I personaggi sono legati tra loro da un sottile legame sentimentale che tuttavia non si palesa nella realtà ma passa attraverso la finzione televisiva che ci rivela, in effetti, “chi siamo noi”.

Regia e Sceneggiatura: Giovanni Truppa
Musica: Chicago blue revue
Fotografia: Stefano Chiodini
Montaggio: Davide Santi
Interpreti: Giovanni Micoli, Margherita Landi, Roberta Sabatini, Massimo Manconi, Giovanni Anselmi, Chiara Ciofini, Remo Masini, Maurizio Bartoli, Alberto Pellegrini, Massimiliano Nocco, Francesca Vergari, Mario Loreto, Bernardo Bettazzi, Salvatore Clemente, la Sara.
Produzione: Tedavi 98, The philosophical art of
mental defense; Durata: 15’; 35; Mini DV

Opera prima


MORS TUA
di Edoardo De Angelis

Sinossi: Mors Tua è una storia di convergenza di opposti e di divergenza di uguali.
E’ la visione di un corteo funebre al quale prende parte la varia umanità di un piccolo paese del Sud non meglio identificato. Un corteo funebre che si conclude con un momento conviviale e un momento conviviale che si confonde con un rito funebre. Una satura di cibo e morte, una sublimazione rituale del cibo e una commestibilizzazione della perdita della vita…

Regia e Sceneggiatura: Edoardo De Angelis
Musica: Les Bohemiens en voyage
Fotografia : Gino Cocciardo
Montaggio : De Angelis – Cocciardo
Interpreti: Filomena Dell’Aquila,
Michele Gaudiosi, Antonio Di Riso,
Maria Grazia Cozzolino, Barbara Sommella.
Produzione: Mitreo Film Festival e Comune
di Caserta.; Durata: 13’; DV CAM

Filmografia: 1999: La vodka; 2000: OKAPPA e KAPPAO’; 2000: Trippin; 2001: Mors Tua.
Ulteriori informazioni: Aiuto Regista: Antonio Di Trento; Assistente alla regia: Ilde Schettini; Scenografia: Oliver Montesano; Segretaria di edizione: Dorotea Gawlik; Coreografa: Grazia di Rauso.


POLLI E POLLASTRE
di Roberto Marchetti

Sinossi: Una metafora della vita.
L’uomo spesso incapace di amare veramente la donna che lo ama è invece sempre pronto a sacrificare tutto ciò che ha di più caro per la prima avventuriera che incontra.

Regia e sceneggiatura: Roberto Marchetti
Musica: Pier Luigi Cristofani
Fotografia: Marco Sperduti (A.I.C.)
Montaggio: Andrea Briganti
Interpreti: Raffaella Castelli, Luigi Rosa,
Ilaria Giorgino, Giuseppe Palma.
Produzione: Roberto Marchetti; Durata: 13’






Premi: Migliore sceneggiatura a CORTOLAZIO 2001.
Miglior cortometraggio in video al festival internazionale di cortometraggi la Cittadella del Corto di Trevignano Romano.


ROTTAMAZIONE
di Gianni Mattioli

Sinossi: Un anziano signore sta per essere trasferito dalle sue figlie in una casa famiglia per anziani. A questo punto una strana e speciale televendita offre una particolare rottamazione…

Regia e sceneggiatura: Gianni Mattioli
Musica: Paolo Coletta
Fotografia: Francesco Squeglia,
iacomo Ambrosino
Montaggio: Giovanni Caruso
Interpreti: Enzo Pierro, Enrica D’Orta,
Federica Aiello, Gabriella Cerino,
Gianni Ferreri, Francesca Di Mattia.
Durata: 16’30’’; Super VHS

Gianni Mattioli è giornalista e collabora su cinema e teatro su un quotidiano napoletano. E’ socio ordinario dell’A.I.T.C., è stato assistente regista in teatro.


SEM TERRA SENZA TERRA
di César Meneghetti e Elisabetta Pandimiglio (Primo premio – miglior montaggio – miglior soggetto)

Sinossi: Tre racconti diversi per un’unica esistenza, tre versioni dello stesso destino. E’ difficile capire come siano realmente andate le cose per il protagonista la cui vita, segnata da un evento straordinario, nascere in mezzo al mare, sembra destinata a rimanere un mistero.
I diversi punti di vista scorrono paralleli e fortemente soggettivi: il racconto della moglie italiana, quello della moglie brasiliana e, offuscati dal tempo e dalla fatica di vivere, i ricordi di lui che un giorno ha smesso di parlare perché si è accorto di esprimersi con una lingua incomprensibile. La storia prende forma attraverso allegorie essenziali di suono e immagine e attraverso elementi analogici o simbolici emotivamente significativi. Tutto dall’interno. L’emozione dei narratori scandisce il dipanarsi degli eventi che si snodano comunque secondo un andamento diacronico componendo il puzzle di un percorso esistenziale individuale e collettivo nello stesso tempo.

Regia: César Meneghetti e Elisabetta Pandimiglio
Sceneggiatura: Elisabetta Pandimiglio.
Fotografia: C. Meneghetti e E. Pandimiglio
Montaggio: César Meneghetti.
Interpreti: Giovanni Calvi, Maria Tarqui,
Elisabeth Brosch, Giulio Calvi,
Carla Meneghetti, Zulmira Toscano.
Produzione: C. Meneghetti e E. Pandimiglio
Durata: 12’30’’; Digital Betacam

Proiettato al Festival di Clermont Ferrand; 1° Premio al X Festival Internazionale VISIONARIA; 1° Premio al 33° Opere Nuove di Bolzano; 1° Premio del 4° Videofestival Città di Mestre; Premio Europeo Massimo Troisi.


SORELLE
di Stefano Pasetto (Terzo premio – Miglior sceneggiatura – Miglior regia – Miglior fotografia)

Sinossi: Maria è una cameriera ossessionata dal senso di colpa nei confronti della gemella morta dieci anni prima. Se ne libererà solo ricalcandone il tragico destino.

Regia e Sceneggiatura: Stefano Pasetto
Fotografia: Sonia Antonini
Montaggio: Stefano Pasetto
Interpreti: Silvia de Santis, Simona Caputo,
Vittorio de Bisogno, Giacomo Rosselli,
Sofia Pagano, Giampaolo Samà,
Fabio Neziry Faruk
Produzione: Stefano Pasetto, Rean Mazzone,
Pasquale Scimeca, Eugenio Siviglia.
Durata: 15’; 35 mm

Stefano Pasetto, nato a Roma nel 1970, si laurea a pieni voti in Lettere Moderne, con una tesi sugli Elementi dell’estetica eizensteniana nel cinema di Krzysztof Kieslowski. Dopo aver studiato a Londra, si diploma alla Scuola Nazionale di Cinema, già Centro Sperimentale di Cinematografia. Oltre alla regia di alcuni cortometraggi, premiati in festival nazionali e internazionali, ha firmato la sceneggiatura e il montaggio di cortometraggi e documentari (Incontrare Picasso di Luciano Emmer, Vaccaro’s italian pastry shop di A.Tantillo, Where we go di P. Pisanelli, Il giorno che ho ucciso il mio amico soldato, Una sera, ècosaimale? Di C.Quatriglio, Monnalisa di M. Del Bò). Autore di racconti e sceneggiature conduce parallelamente l’attività di studi teorici sul cinema collaborando con riviste del settore.


VIOLINO
di Olivia Magnani (Rastignano – BO - )

Sinossi: Tre persone, una casa vuota, tre stanze, una musica.
Una donna triste che ha soffocato la sua poesia per viltà, un uomo folle, assorbito totalmente nel suo egocentrismo e un bambino cieco sono la cornice di uno scenario surreale.
Un violino, temuto per la sua melodia carica di vibrazioni, porterà questi personaggi decadenti a rivivere i momenti più primitivi della vita di ogni artista, esaltando la passione, follia e esasperazione assurda, con il merito di riuscire a scavare le note più profonde e nascoste che entrambi rinnegavano. Il bambino suona per loro, attirato da questo “strano” strumento, divenendo musa inconsapevole di questa serata.


Regia, soggetto e sceneggiatura: Olivia Magnani
Musica: Daniele Furlati
Direttore della fotografia: Michele D’Attanasio
Montaggio: Michele D’Attanasio
Cast: Caterina Cesari, Leo Mantovani, Gabriele Mollicone
Prodotto da Carlotta e Maurizio Magnani; Direttore di produzione: Olivia Magnani e Vito Palmieri

Con Chiudi gli occhi Olivia Magnani ha vinto al quarto concorso Inventa un Film Lenola 2001 i seguenti premi: miglior film, miglior interprete e miglior colonna sonora originale. Nel luglio del 2001 Chiudi gli occhi è stato selezionato presso il Montecatini Film Video Festival (54° edizione).
Violino è già stato vincitore nell’ottobre del 2001 del premio “Miglior Video Assoluto” al concorso Fahrenheit 451.



CINEMA… CHE VERRA’


CINQUE GRAMMI DI BICARBONATO
di Federica Bassetti

Regia e Sceneggiatura: Federica Bassetti; Assistente alla regia: Fabrizio Salerni; Musica originale: Stefano Pontani, Renato Bassetti, Antonio Grandona; Montaggio: Dalia Castel; Interpreti: Alberto Querini, Cristiano Passi, Francesca Fondi, Caterina Bassetti, Anna Saba, Michelangelo Pratesi; Produzione: Bass & Pass; Durata: 28’; Betacam


CONFESSIONE
di Marco Spataro (Qualificato per la finale)

Sinossi: Un ragazzo sta scrivendo al computer quella che ha tutta l’aria di essere una confessione: pensieri di vendetta volano a Monica, la sua ragazza.

Regia e Sceneggiatura: Marco Spataro; Musica: Massimo Balducci; Fotografia: Francesco Cavallari; Montaggio: Marco Spataro; Interpreti: Fabio Benni e Marcela Regispani; Produzione: Chiara Bucchignoli e Marco Spataro; Durata: 7’; Mini DV

Marco Spataro, nato a Padova il 14 agosto 1978, vive a Carpi (MO).
Regista – documentarista e montatore, fa parte della Sequenze, associazione culturale di Fossoli (MO) che ha la finalità di promuovere attività di educazione al linguaggio cinematografico e che si adopera essa stessa in produzioni cinetelevisive di carattere socio – culturale.


E.G.O
di Nicola Piovesan

Sinossi: Il film si snoda in tre parti che coincidono grosso modo ai tre momenti della giornata (mattina, pomeriggio, sera) che però, metaforicamente, corrispondono anche a tre fasi della vita. Dopo il prologo che, con il breve dialogo “L’Etranger” di Baudelaire, introduce le tematiche di tutto il film, il protagonista nella prima parte vaga per una Bologna affollata e riflette sul rapporto tra un individuo e gli altri esseri umani che lo circondano. La seconda parte (più leggera e distensiva delle altre due) descrive il suo arrivo a casa, un veloce e surreale pasto e un dialogo – riflessione sul film in questione e sul nuovo cinema italiano. Poi giunge la sera. Nella terza parte il protagonista si trova ancora a vagare per la città, questa volta quasi deserta, pensando ad una perdita (affettiva?) e al senso di vuoto generato da tale mancanza. Il film si conclude con un nuovo e definitivo ritorno a casa, dopo che “tutti i treni” che avrebbero potuto portarlo via “sono partiti”, ma con una nuova dichiarazione di fuga e ciclico ritorno.

Regia, Sceneggiatura, Fotografia, Montaggio e Produzione: Nicola Piovesan; Interpreti: Nicola Piovesan e Damiano Debiasi; Durata: 14’; VHS


HUMAN’S RACE (Escape from Genova)
di Edo Tagliavini

Regia e Sceneggiatura: Edo Tagliavini
Fotografia: Edo Tagliavini
Musica: Primal Scream Deftones
Montaggio: Clelio Benevento
Interprete: Edo Tagliavini
Produzione: Los Aluches - Digital Desk
Distribuito da Coxackie


L’ALTRO BACKSTAGE
di Piero Cannata

Sinossi: Un anno dopo l’orribile omicidio di cinque ragazzi, una copia della maschera del killer viene rubata e i delitti ricominciano. A farne le spese, sarà, stavolta, Anna Bondì, che scoprirà presto fino a che punto si è disposti ad arrivare pur di ottenere il successo, ad ogni costo.

Regia e Sceneggiatura: Piero Cannata; Fotografia: Piero Cannata e Valentina Cardella; Montaggio: Francesco Fresta; Interpreti: Anna Ceraulo, Giuseppe Paternò, Riccardo Cannata, Claudia D’Anna, Riccardo Ciriminna, Manuela Russo, Alessandra Fabris, Valeria Cannata, Maria Lia De Mori, Roberto Saja; Produzione: Piero Cannata; Betacam SP

L’Altro Backstage ha vinto il secondo premio al 2° “Tohorror Film Festival” e il Primo Premio al 2° “Alienante Film Festival”.


LIDO AZZURRO
di Pippo Mezzapesa

Sinossi: E’ domenica, e in un paesino dell’entroterra pugliese la messa si è appena conclusa. Una famiglia (padre, madre e figlio) intraprende una fuga dall’atmosfera atona e asfittica del borgo. Un viaggio…un’evasione, verso il paese di mare più vicino. Verso la loro utopia, il “LIDO AZZURRO”.
Ma si accorgono di essere sbarcati in un covo di frustrazione.

Regia e Sceneggiatura: Pippo Mezzapesa; Musica: Enrico Cacace; Fotografia: Michele D’Attanasio; Montaggio: Cosimo Terlizzi; Interpreti: Pinuccio Sinisi, Anna Maria Carella, Arcangelo Acquafredda; Durata: 9’49’’; MINI DV

LIDO AZZURRO rappresenta per il regista l’opera prima.


L’ULTIMO DEI BOHEMIEN
di Dario Soldo

Sinossi: regista – sceneggiatore scrive sceneggiatura per un nuovo film. Ma il produttore vuole una cosa completamente diversa. Come finirà?

Regia e Sceneggiatura: Dario Soldo; Interpreti: Gino Bosa, Marco Breda, Ermanno Reffo, Virginia Lamour ; Produzione: Casale, Bosa e Skeo; Durata: 16’; Betacam

Filmografia e Premi ottenuti: Premio Miglior Sceneggiatura alla IX Rassegna di Corti di Sassuolo 2001.


NO COMICS
di Cristiano Morello e Gianluca Sportelli (Qualificato per la finale)

Sinossi: Fin dove arriva la realtà di un libro?
Fin dove la fantasia d’un fumetto?
Anna è una ragazza che nella vita non è mai riuscita a realizzarsi e che prova un ennesimo colloquio di lavoro come fumettista… Ma questo è solo il finale di una storia che parte in un centro commerciale e che incrocia sulla sua strada i due mondi opposti e simili del vero e del fantastico.

Regia e Sceneggiatura: Cristiano Morello e Gianluca Sportelli; Musica: Raffaele Gallina; Fotografia: Alessio Valori; Montaggio: Cristiano Morello; Interpreti: Anna Ciociola, Cristian Battiferro, Claudio Capone, Marco Barone, Leonardo Santini, Federico Rosati, Giuliano Morello, Ilaria Bergonzoni; Produzione: Gianluca Sportelli, Cristiano Morello, Anna Ciociola; Durata: 10’30’’; MINI DV


PARASSITI
di Francesco Passaro

Sinossi: Un artista, un innamorato, un travestito sono accomunati dallo stesso destino di parassita. La loro coscienza, l’Uomo Bianco, infierisce su ognuno di loro, cercando di riportarli ad una finta ragione indotta dalle regole del conformismo. L’artista, però, già conosce le insidie della sua scelta e, nonostante tutto, prosegue solitario per la sua strada. Una storia onirica e angosciante in sintonia con la vita di molti di quelli che scelgono di remare controcorrente. Un inno alla libera espressione lanciato tra le mura fatiscenti dell’ex – Corradini, complesso industriale della periferia orientale di Napoli.

Regia e Sceneggiatura: Francesco Passaro; Musica: Antonio Maione; Fotografia: Camillo Perasti; Montaggio: Andrea Fiorentino; Interpreti: Andrea Fiorentino, Antonio Buonanno, Marco Tramontano, Francesco Passaro, Antonio Maione, Luca Carreras, Roberta Passaro. Produzione: Autonoma; Durata: 8’20’’; Hi 8

Biografia e filmografia dell’autore: Francesco Passaro nasce a Napoli il 4/9/1971. E’ autore di tre romanzi inediti, quaranta poesie, di cui una pubblicata su “Specchio della Stampa”.
Esercita la professione di avvocato penalista a Napoli.


REGOLA3MILA
di Riccardo Rossi

Sinossi: E’ un futuro lontano ormai già trascorso, o forse un passato in cui si staglia il nostro domani quello della società delle Regole, un mondo monocromatico dove i sogni sono banditi e l’uomo si illude di riuscire a programmare la sua felicità credendosi libero. Anche la gabbia delle Regole non è abbastanza sicura per racchiudere i sogni dei bambini (se solo riuscissimo a non crescere mai..), ma…

Cast: Andrea Rossi, Graziella Romanelli, Loredana Vigna, Chiara Rossi, Lorenzo Aiosa, Marco Bartolini.

Regola3MILA: terzo posto Corto Trailer organizzato dalla rivista Videotecnica, finalista al Premio europeo Massimo Troisi Tirrenia, selezionato all’Alternative Film Festival 2001 e al IV concorso Città di Mestre El Leon in Moleca.
Trillogia (in concorso l’anno scorso a Lenola) ha vinto il concorso ComunicAZIONE (I Gigli) e Il Nasino d’Argento quale miglior corto al Sulmonacinema Film Festival.

7:30
di Rosa Caio (Qualificato per la finale)

Sinossi: La sveglia suona alle “7:30”… ma la città è in fermento nell’ora di punta, il protagonista scopre di essere in ritardo, causa la sveglia, nel giorno più importante della sua carriera… sentendo il licenziamento sempre più vicino, parte per l’ufficio; per evitare il traffico prende una scorciatoia consigliatagli per telefono da un collega … tutti gli orologi segnano le setteetrenta.

Regia: Rosa Caio; Sceneggiatura: Vincenzo Ricchiuto; Musica: Beppe Sbrocchi; Fotografia: Rosa Caio e Vincenzo Ricchiuto; Montaggio: Rosa Caio; Interpreti: Francesco Montrone e Milena Negretti; Produzione: Associazione Culturale Nirvana; Durata: 15’; Hi8

Esperienze nel settore: Montaggio presso l’associazione Culturale Nirvana; Assistente al casting per la fiction tv “Ama il tuo nemico 2” per la regia di Damiano Damiani.


SOL DIESIS
di Barillari – Fulceri – Pelacani (Qualificato per la finale)

Sinossi: E’ la storia di un musicista che trascorre la sua vita su una sedia a rotelle. Tuttavia, fantasia, creatività, immaginazione lo portano lontano dalla sua diversità. Desiderio di vivere, ricerca, scoperta che ogni piccola cosa può diventare grande al di là di ogni limite. Oltre i grigi della vita.

Regia: Daniel Sinner; Soggetto e Sceneggiatura: Erika Fulceri; Montaggio, effetti speciali e musica: Daniele Pelacani; Fotografia , Operatore: Jonathan Barillari Scenografia: Lucrezia Cornicello; Interprete: Stefano Agnoloni;; Durata: 5’20’’ DV

Informazioni: I tre autori, Barillari, Fulceri e Pelacani si stanno laureando all’Università di Ferrara in “Comunicazione Audiovisiva”.


TUNNEL 1980
di Antonio Lanni

Sinossi: Novembre, 1980. Antonio, 13 anni, dopo l’allenamento sul campo di calcio, giocando, cade, sbattendo la testa. Rimane a terra per alcuni minuti, in cui vive un’esperienza fantastica: attraversa una specie di tunnel. Quando sta per essere avvolto da una luce immensa, riapre gli occhi, il suo cuore ricomincia a battere.
Tra realtà e fantasia: un’esperienza realmente vissuta dall’autore ed interprete del film.

Regia, Sceneggiatura e Musica: Antonio Lanni; Fotografia: Angela Cavaliere; Montaggio: Donato Rotondo; Interpreti: Gabriele Arcaro e Antonio Lanni; Produzione: Donato Rotondo e Antonio Lanni; Durata: 3’10’’; VHS

Tunnel 1980 ha vinto il Premio Critica Cinematografica “Alta Marca Napoletana”


YPOTESI
di Giovanni De Blasi

Dichiarazione dell’autore: Ypotesi vuole essere una sorta di esperimento nel mostrare porzioni di realtà che non hanno pressoché alcun raccordo con le porzioni immaginate dal lui pensante. Questo permette a mio avviso di rendere le porzioni fantastiche molto più di impatto e le porzioni reali molto più grottesche. La Y vuole rappresentare una strada che si biforca vista dall’alto: da un lato c’è il pensiero, dall’altro l’azione. Da un lato la fantasia, dall’altro la realtà. L’assoluta anarchia della mente umana, un pensiero che si succede bruscamente ad un altro, come se un IO demiurgo stesse cambiando canale con un telecomando (Ypotetico appunto) nella mente del Lui pensante…questo è Ypotesi.

Regia e Sceneggiatura: Giovanni De Blasi; Musica: Antonio Ferrigno; Fotografia: Luigi Martinucci; Montaggio: Michele D’Attanasio; Interpreti: Leo Mantovani, Verdiana Battaglia, Maurizio Lazzari; Produzione: Davide Sorlini; Durata: 10’; MINIDV

Ypotesi di Giovanni De Blasi è stato selezionato a Roma nell’ambito della rassegna “DigitalDesk” nel Luglio 2001. E’ stato inoltre selezionato tra i primi sette cortometraggi nell’ambito di un concorso organizzato dalla Studio Universal nel Giugno 2001.


INVENTA UN CARTOON

APPUNTI PER UN FILM SULLA VECCHIAIA DI PINOCCHIO di Beatrice Pucci

Sinossi: Le angosce e le vecchie paure riemergono dal passato come vecchi fantasmi nella mente di Pinocchio.

Autore: Beatrice Pucci; Durata: 3’45’’; Anno:2001; DV


CHIMERA di Luana Ligi

Sinossi: Ispirato alle opere di Osvaldo Licini: l’uomo è costretto a crearsi mondi nuovi per sfuggire alla sofferenza in un immenso cielo blu. La luna è simbolo di felicità irraggiungibile.


DIALOGO di Erica Salvi

Sinossi:Una delicata e intima relazione fra la luna e l’acqua nel passaggio astratto fra ciò che appare e ciò che scompare.

Autore: Erica Salvi; Durata: 2’; Anno: 2000; DV


DISTACCO di Eleonora Masciotti

Sinossi: Eccovi un uomo uniforme, eccovi un’anima deserta, uno specchio impassibile. Mi avviene di svegliarmi e di congiungermi e di possedere. E il raro bene che mi nasce, così, piano mi nasce e quanto ho adorato così insensibilmente si è spento . G.Ungaretti (1916)

Autore: Eleonora Masciotti; Durata: 1’15’’; Anno: 1999-2000; DV


ENIGMA di Mattia Poderi

Sinossi: L’animazione fluttua attraverso in mezzo ai simboli della pittura metafisica nel tentativo di raccontare le atmosfere dei dipinti di De Chirico.

Autore: Mattia Poderi; Durata: 2’; Anno: 1999 – 2000; DV


IL COLLO LUNGO di Maria Pezzedi

Sinossi: Una grande giraffa dal collo lungo incontra un amico sulla terra

Autore: Maria Pezzedi; Durata: 2’; Anno: 2000


IL VIAGGIO di Sara Paoloni

Sinossi: Un viaggio in bicicletta tra fantasia e realtà.

Autore: Sara Paoloni; Durata: 1’30’’; Anno: 2001; DV


LA CALMA di Flavio Moretti

Sinossi: e se un giorno qualcuno inventasse un sistema per rilassare gli automobilisti quando sono fermi al semaforo?…

Soggetto, fotografia, suono: Flavio Moretti; Produzione: Fly Production; Durata: 3'; s-vhs


LA CURVA DEI TUOI OCCHI di Serena Romani (Qualificato per la finale)

Sinossi: Ispirato alla poesia di Paul Elvard il film racconta i versi attraverso la danza di due corpi fluttuanti.

Autore: Serena Romani; Durata: 1’34’’; Anno: 2000; DV


LE GOBBE NEL GIARDINO di Maria Castellana

Sinossi: Questo cortissimo è ispirato ad una storia di Dino Buzzati. E’ la storia di un uomo che perde prima sua figlia e poi sua moglie. Alla morte di ogni persona cara nel suo giardino si formano delle gobbe. Un giorno egli spera di essere una gobba per qualcuno.

Regia, sceneggiatura, fotografia, montaggio e produzione: Maria Castellana; Durata: 2’

“Le gobbe nel giardino” ha vinto il primo premio al festival “Clipstrip” di Ferrara e al 5° concorso video di Parma. Ha vinto il premio per il migliore cortometraggio digitale italiano, al festival Arcipelago 9 di Roma. E’ stato selezionato ai festival di Annecy, Vienna e Bochum.


LE TRAIN di Caterina Baldi

Sinossi. Un viaggio introspettivo nel viaggio dei ricordi del passato

Autore: Caterina Baldi; Durata: 1’46; Anno: 2001; DV


L’ODISSEA di Alessia Lucchetta

Sinossi: E' un film d'animazione sul racconto dell'Odissea di Omero, sintetizzato in 9 minuti e realizzato rispettandone la storia in tutte le sue parti: Il cavallo di Troia, l'isola dei lotofagi, Polifemo, l'otre dei venti, la maga Circe, l'incontro con i morti, il canto delle sirene, i mostri Scilla e Cariddi, i buoi sacri al sole, la ninfa Calipso, il racconto di Ulisse, il ritorno ad Itaca, la tela di Penelope, il massacro dei Proci. Priva di dialoghi la rappresentazione si esprime nelle immagini e nel "tappeto" di suoni, musica e rumori che l'accompagnano.

regia, sceneggiatura, animazione, montaggio e suono: Alessia Lucchetta

Biofilmografia: Alessia Lucchetta è una pittrice formatasi all'Accademia di Belle Arti di Firenze. La sua pittura è basata sulla ricerca del movimento, percorso che l' ha naturalmente condotta all'utilizzo della cinepresa, approdando ad una rappresentazione cinematografica da lei stessa definita "pittura animata". Questa definizione si riferisce alla tecnica di animazione personalizzata dall'uso esclusivo di colore steso direttamente con il pennello sulla carta e fermato, scatto dopo scatto, a formare gradualmente lo svolgersi della sceneggiatura, servendosi esclusivamente di sciolte e veloci pennellate. La totale realizzazione delle pitture animate, incluso l'adattamento, la parte sonora e musicale, il montaggio delle sequenze, sono opera della stessa autrice.
I primi esperimenti di pittura animata risalgono all'87, presentati per lo più nell'ambito di mostre di pittura come dipinti in movimento, successivamente la ricerca si è indirizzata verso la realizzazione di film d'animazione di ritratti e volti in trasformazione, che assumevano espressioni ed emozioni diverse durante la sequenza del filmato, ma solo un lento progredire nella sperimentazione ha portato alla rappresentazione di personaggi che compiono azioni, ed ambienti in cui si svolgono i fatti; il racconto di una storia a soggetto è un nuovo esperimento.


MAESTRALE di Martina Benedetti

Sinossi: Un vento freddo agita i pensieri ed i ricordi dei personaggi.

Autore: Martina Benedetti; Durata: 2’; Anno: 2001; DV


MALINCONIA di Suelen Bucchi

Sinossi: Introspezione sulle emozioni umane

Autore: Suelen Bucchi; Durata: 1’20’’; Anno: 2001; DV


OLO di Teresa Radice

Sinossi: Il nano “OLO” è una comune razza bipede di vertebrati onnivori, presente sul nostro pianeta. Gli appartenenti a questa razza sono portatori sani di nomi comuni con desinenza in “OLO”, non accentati sulle ultime due “O”. Gli OLO nascono per gioco, vivono per scommessa e … non muoiono mai. Se non vi è mai capitato di vederli in giro è solo perché, quando si accorgono di essere stati scoperti, svaniscono in un … nanosecondo. Questa volta, però, seguendo di soppiatto il vagabondo EKKOLO che fa ritorno al suo paese, riusciremo anche noi ad arrivare ad “OLOLAND” e a fare la conoscenza dei suoi coloratissimi abitanti. E sarà un viaggio tutto speciale, in bilico sul confine, tanto labile, tra realtà ed immaginazione. BUON “OLO”!!

Regia, Sceneggiatura, Scenografie, Coloritura: Teresa Radice; Musica: Fabio Marzetti, Alessandro Galante; Ilario Calì (Studio Magilla – Rho -); Animazioni, Compositing: Raffaele Radice; Voce: Lucrezia Centonze; Montaggio: Rino Muciaccia, Matteo Biasi (Screamovie – Milano -); Produzione: opera prima interamente autofinanziata;


PAROLE DI SABBIA di Nicola Vampa (Qualificato per la finale)

Sinossi: Isolati nelle nostre idee e abitudini siamo tutti granelli di sabbia in un deserto di solitudine.

Autore: Nicola Vampa; Durata: 1’50’’; Anno: 2001; DV


PASSEPARTOUT di Filippo Volpi

Sinossi: Un invito al viaggio intorno al mondo in omaggio all’immaginazione visionaria di Jules Verne.

Autore: Filippo Volpi; Durata: 1’30’’; Anno: 2001; DV


PITTORE, AEREO di Simone Massi

Sinossi: Colonia 1926: mentre viene fotografato, il pittore Anton Raderscheidt si sorprende a pensare il sogno di un altro: il sogno della camicia rossa.

Regia, Sceneggiatura, Fotografia, Montaggio e Produzione: Simone Massi.
Durata: 4 minuti.

Filmografia e premi ottenuti: Pittore, Aereo (Fano Film Festival, Opere Nuove, Premio Troisi, Arrivano i Corti, V – Art).


PREGHIERA PER UN BAMBINO di Alessio Cancellieri

Sinossi: Viaggio introspettivo dell’autore.

Autore: Alessio Cancellieri; Durata: 4’; Anno: 2001; DV


RITORNO AD EPTAR di Francesco Filippi

Sinossi: Ritorno ad Eptar è un film pilota d’animazione per un lungometraggio espressionista epic – fantasy, dalle atmosfere liriche e drammatiche. Il filmato è realizzato senza budget, in casa.
Il mercenario Sharion torna, per combattere per denaro, ad Eptar, il suo regno natale colpito da una maledizione e provato da una lunga guerra. Ma nella sua nuova missione Sharion incontra il fantasma di una sacerdotessa svanita sotto i suoi occhi cinque anni prima.

Regia, sceneggiatura e montaggio: Francesco Filippi; Musica: Paolo Bozzola; Animatore: Fabrizio Carosio; Scenografie: Ivan Cavini; Produzione: autoprodotto; Durata: 2’20’’.

Francesco Filippi è il regista del corto scolastico live !Raef, selezionato alla prima edizione del Sottodiciotto film festival.


SENZA TITOLO di Andrea Paolini

Sinossi: Il racconto della pazzia attraverso un’animazione spasmodica che rappresenta la sofferenza e le lacerazioni fisiche e psicologiche.

Autore: Andrea Paolini; Durata: 1’20’’; Anno: 2000; DV


SI’ PERO’ di Magda Guidi (Premio Inventa un Cartoon)

Sinossi: Un acrobata, il suo filo, una donna e i suoi ricordi.

Autore: Magda Guidi; Durata: 2’; Anno: 2002


SOTTO IL CUSCINO di Mara Cerri

Sinossi: Uno sciame di ricordi tirati fuori da una matassa di memoria. Giostre e voci che si sentono di notte sotto il cuscino dove tenevi nascosto anche il dente caduto aspettando che qualcuno venisse a prenderlo.

Autore: Mara Cerri; Durata: 2’; Anno: 2000


TEMPORALE di Milena Marzi

Sinossi: Nelle giornate malinconiche il turbinio dei sentimenti sfocia in un temporale.

Autore: Milena Marzi; Durata: 45’’; Anno: 2000 – 2001; DV


UCCIDIAMO IL CHIARO DI LUNA di Andrea Princivalli

Sinossi: Un sarcastico e pungente videoclip che, a ritmo della ska-band Fahreheit
451, si scaglia contro gli stereotipi che affliggono una città-museo come Venezia.

Regia: Andrea Princivalli; Musica: Fahrenheit 451; Durata: 5'00"; miniDV

Trasmesso dalle piu' note tv musicali italiane, "Video Italia" (video della settimana) a VideoMusic TMC2, uno dei più richiesti a The Box Television You Control, trasmesso a TelePiù, MatchMusic, Help (trasmissione di Red Ronnie) ;
Vince l'Oleandro d'oro a Salò per il 3°Festival Riviera del Garda;Vince il 2° premio miglior videoclip all’EuroVideoFestival" a Colonia (D) tra più di 5000 partecipanti; Vince al "RudiaeCartoon" a Lecce; Ben tre riconoscimenti al Festival dell'animazione a Dervio; Selezionato al prestigioso Holland Animation Festival a Utrecht in Olanda; Vince il 1°premio al festival Cinema&Scuola a Pordenone; Vince il premio miglior soggetto al MEI "Festival delle etichette indipendenti" a Faenza; Esposto alla Galleria "Il Milione" a Milano; Esposto alla mostra “Andata e Ritorno” a Venezia; partecipa alla IX° Biennale Giovani Artisti d'Europa e del Mediterraneo a Roma.


IDEA SUD LAZIO

BESAME MUCHO
di Elisabetta Bernardini

Sinossi: Un fattorino, nel tentativo di consegnare alcuni pacchi in un condominio, incontra casualmente una misteriosa donna che lo sedurrà.

Regia: Elisabetta Bernardini; Soggetto e Sceneggiatura: Bernardini, Faraci e Trapanese; Interpreti: Alberto Popolo e Ennio Polidori; Produzione: Bernardini e Trapanese; Durata: 12’27’’; 35 mm


BINARIO MORTO
di Nicola Marrone e Giuseppe Paone (Qualificato per la finale)

Sinossi: Il protagonista vaga fra città e campagna alla ricerca del luogo adatto… Trovato finalmente il binario su cui stendersi ad attendere la fine si alternano visioni “a testa in giù” di vita reale, le scene sono inframmezzate con momenti grotteschi e con l’incontro con una figura senza identità (il manichino).
L’alternarsi fra realtà ed immaginazione lascia trasparire un turbamento interiore per cui l’unica consolazione è una splendida apparizione mattutina (l’angelo della morte).
Resta ancora il dubbio dopo il passaggio del treno se a morire sia stato l’uomo vero oppure il suo io interiore (il manichino in pezzi sul binario…morto)

Regia, Sceneggiatura, Fotografia e Montaggio: Giuseppe Paone e Nicola Marrone; Interpreti: Salvatore Caggiari e Vittoria Rizzo; Produzione: KZ Productions; Durata: 10’; VHS

Filmografia e Premi ottenuti: Con “Psicobyte” e “Il Cascamorto” gli autori si sono classificati terzi per due volte al Raglan.


CATTURATI
di Stefania Soellner

Sinossi: La proiezione amorosa spesso diventa solo un riflesso di sé. Nella città, sui muri, si susseguono sogni di carta ed emozioni precarie. E’ l’esperienza vissuta dalla giovane protagonista del film e dai tanti che la circondano.

Regia e Sceneggiatura: Stefania Soellner; Musica: Claudio Rovagna; Fotografia: Gianni Toffolutti; Montaggio: Enzo Meniconi e Alessandro Cerquetti; Interpreti: Irene Rubini, Annamaria Barra, Gianfranco Mazzoni, Giovanni Guardi e tanti gentili passanti; Produzione: Stefania Soellner; Durata: 6’; Beta.

Filmografia e premi ottenuti: Menzione Speciale della Giuria al Festival di Trevignano, Secondo premio al Digicomix Festival di Napoli.


DUE DI NOTTE
di Andrea Di Luzio

Sinossi: Un uomo si vede piombare in casa se stesso morto. E’ l’inizio di un incubo lungo un’ora.

Regia, Soggetto, Sceneggiatura e Montaggio: Andrea Di Luzio; Musiche: Carlo Colonnello; Fotografia: Christian Corradini; Interpreti: Ennio Grimani, Christian Corradini, Marco Colonnello, Valentina Marinelli, Orlando Sanzari, Maurizio Giacobetti, Filippo Casati, Gemma Bernardi; Produzione: Andrea e Marcello Di Luzio; Durata: 20’; DV

In concorso al 9° Video – festival di Canzo.


IL MITO DELLE FOGLIE DI UN FICO
di Ilario Marrocco

Sinossi: Era notte, osservavo una pianta di fico quando improvvisamente una voce cominciò ad armonizzare parole. Raccontava qualcosa a proposito dell’evoluzione dell’umanità. Essa sostiene la voce, segue un ritmo enormemente più veloce dell’evoluzione puramente organica di tutti gli esseri viventi.
Ma nonostante questo gli istinti nell’uomo rimangono fortemente ancorati causando delle serie disarmonie. In sostanza questa voce sembrava ritenere che le tendenze naturali dell’uomo non sono più perfettamente sincronizzate con le condizioni di civiltà in cui si è venuto a trovare per opera delle sue stesse attività mentali. Così come apparve, il suono svanì ed io rimasi lì a fronteggiare i rami, a pensare, ad amare e ad odiare.
Regia, Sceneggiatura e Montaggio: Ilario Marrocco


LALLARALLA’
di Paolo Iorio e Giovanni Scipioni

Sinossi: Il titolo rimanda al neorealismo di “Miracolo a Milano” (“Lallaralla’ è la filastrocca che “Toto il buono” insegna al barbone in procinto di buttarsi sotto il treno “per noia”). Il treno è il filo conduttore di un’emarginazione e di un dolore che viaggia attraverso il tempo, dal treno degli anni ’30 che evoca la deportazione degli Ebrei, al treno degli emigranti del Sud degli anni ’50 e ’60, dal treno dei profughi kosovari, al treno delle violenze metropolitane dei nostri giorni. I treni di “Lallarallà” sono però volutamente tutti uguali, il tempo è cadenzato dagli abiti dei personaggi e da alcuni riferimenti cinematografici. Le immagini, sottolineate dalle musiche originali di Bungaro, proiettano un’atmosfera rarefatta, e raccontano l’emarginazione sociale e il dolore, in un mondo che tuttavia continua ad essere popolato di bambini attaccati ai loro palloncini di speranza.

Regia e Sceneggiatura: Paolo Iorio e Giovanni Scipioni; Musiche originali: Bungaro; Fotografia: Antonio Marant; Montaggio: Lorenzo Ciccinnato; Interpreti: Ilaria Grazioli, Enzo Marino Baselich, Chiara Jorio; Produzione: Adriano Pucci; Durata: 12’; Betacam


L’INCUBO DELLA MALATTIA E DELL’INGANNO
di Christian Antonilli

Regia e Sceneggiatura: Christian Antonilli; Fotografia: Leone Capuccio; Interpreti: Alessandro Saccoccio, Michele Marangon; Produzione: Giovani Baldi; Produzione esecutiva: Silvia Caratelli; Dialoghi: Francesca Mancini; Durata: 12’


OCCHIO PER DENTE E DENTE PER OCCHIO
di Carlo Pietrosanto e Tancredi Izzi (Qualificato per la finale )

Sinossi:

- quando il morto piange, è segno che è in via di guarigione – disse solennemente il corvo.
- mi duole contraddire il mio illustre amico e collega, - soggiunse la civetta – ma per me, quando
il morto piange, è segno che gli dispiace morire!
C. Collodi, Le avventure di Pinocchio

Regia: Carlo Pietrosanto; Sceneggiatura: Tancredi Izzi; Montaggio: FILMASTER di Tonino Zannettino (Fondi); Durata: 15’; VHS


PREMIO BANCA POPOLARE DI FONDI: SEZIONE SCUOLA

ARTURO
ISTITUTO COMPRENSIVO MARCO POLO DI GRADO

Sinossi: Storia a lieto fine di un giornale nuovo che, animato da buoni principi e incrollabile fiducia nell’uomo, riesce, dopo alterne vicende, a cambiare il mondo. Attraverso lui i bambini esprimono il loro desiderio di pace, solidarietà tra i popoli e rispetto per l’ambiente.

Regia e Montaggio: Boemo Lorenzo; Sceneggiatura: Grinami Fulvia; Interpreti: Gli alunni della scuola elementare Classe 3°; Produzione: Laboratorio audiovisivi Istituto Comprensivo Marco Polo.

Lorenzo Boemo ha ottenuto una menzione speciale per la sezione poesia in video con l’opera Panta Rei alla settima edizione del premio di poesia Nosside a Reggio Calabria. L’Istituto Comprensivo Marco Polo coordinato dagli insegnanti Boemo e Marchesan si è aggiudicato il primo premio in occasione della rassegna Cinevideoscuola di Bergamo con il filmato: Quinto: non ammazzo. Lavori dell’ Istituto Marco Polo sono stati proiettati anche al festival di Valencia.


DANZA DEL VENTO
LICEO ARTISTICO MODI’ PADOVA

Sinossi: Danza del vento è ispirato ad un racconto medievale irlandese (nella versione di James Stephens), dove si narra di un uomo che, giunto sull’isola poco dopo il Diluvio, rinasce più volte in forma di animale e torna a vivere come uomo solo secoli dopo: un susseguirsi di metamorfosi che diventa una danza circolare scandita dai tamburi e guidata da un piccolo sciame di foglie volanti.

Autore (allieva del laboratorio “immagine per immagine”): TATIANA AZZALIN. Coordinatori: Proff. Antonio De Pascale e Raffaele Luponio). Durata: 3’; VHS

Il Liceo Artistico Modì di Padova ha vinto il Premio Banca Popolare di Fondi Una scuola per il cinema con il cortometraggio “L’ombelico del mondo” al Quarto Concorso Inventa un Film Lenola 2001 (Tema: L’Altro).


FRECCIA KING (S’è inverato)
SCUOLA MATERNA VIA ARNO FROSINONE (Premio sezione scuola)

Sinossi: …che fine ha fatto Freccia King, lo strano personaggio inventato dalla fantasia dei bambini?…

Regia e sceneggiatura: Mauro Antonucci e Luca Fontecchia; Fotografia: Daniel Rizzoni; Montaggio: Massimo Bianchi; Riprese: Enrico Idrofano; Grafica: Andrea Maguolo; Interpreti: Gli alunni della Scuola Materna di Via Arno di Frosinone. Hanno collaborato alla realizzazione del cortometraggio le insegnanti Angela Carlini, Nunzia Cecere, Paola Antonucci, Gabriella Mattei, Laura Quaglieri, Drusilla De Camillo.


GIORNI DELLA NOSTRA EPOCA
ITIS “VOLTA” ALESSANDRIA

Informazioni: … Il cortometraggio è nato per gioco da un’idea degli alunni. La docente di lettere della classe ha colto l’occasione per affrontare in un modo nuovo il problema del disagio giovanile e per entrare in sintonia con i giovani dimostrando loro attenzione. Il Dirigente Scolastico ed alcuni altri docenti hanno appoggiato l’iniziativa contribuendo ciascuno per le proprie competenze alla sua realizzazione. Tutte le realtà territoriali hanno contribuito, chi mettendo a disposizione propri strumenti, chi proprio personale, chi la consulenza.

Regia: Luca Coscarella e Sergio Angelo Notti; Aiuto regia: Andrea Angeleri Assistenti regia: Giacomo Barbin, Gabriele Sacchi; Sceneggiatura: Allievi classe 2 G a.s. 2000/2001; Montaggio: Sarah Mcteigue; Interpreti: Giuseppe Arena, Stefano Bosio, Gianluca Immarata, Patrik Poggio, Luca Campo, Matteo Visentin, Domenico Giordano, Marcello Rava, Giuseppe Bodrati, Manuela Pittaluga, Cristiano Riccioni, Franca Cannas, Edgardo Rossi, Max Pozzi, Sergio Notti, Mario Mantelli; Produzione: ITIS “VOLTA” Alessandria; Durata: 30’; VHS


GIROGIROTONDO VOGLIAMO UNIRE IL MONDO
ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LENOLA

Sinossi: Rendere reale e viva l’immagine ideale di “un dipinto” nel quale la realtà è sempre e solo un’illusione.

Regia: Aceto Palma e Spada Mena; Assistenti alla regia: Marrocco Francesca e Magnafico Martina; Sceneggiatura: Aceto Palma e Salerno Amelia con la collaborazione delle classi II A e III B; Interpreti: De Longis Eleonora, Moresi Luca, Tatarelli Guido, Quinto Jonathan, Terelle Davide, Simone Gianluana, Pizzella Angela, Marrocco Daniela; Fotografia: Simone Luigi; Montaggio: Mattacchioni Franco; Produzione: Istituto Comprensivo “Leonardo Da Vinci” Lenola; Durata: 12’


I COLORI DELL’AMICIZIA
SCUOLA ELEMENTARE PASTURO

Sinossi: Una nonna racconta a un gruppo di bambini la storia di una scuola senza colori dove gli alunni, divisi in bianchi e neri (senza riferimento a questioni razziali), avevano abitudini diverse e non vivevano in armonia. Un giorno appare uno strano personaggio che li colora tutti e i bambini scoprono che è bello stare insieme.

Regia: Selva Raffaella; Sceneggiatura: Selva Raffaella con la collaborazione del Centro Multimedia dell’Amministrazione Provinciale di Lecco; Musica e Fotografia: Selva Raffaella; Montaggio: Selva Raffaella con la collaborazione del Centro Multimedia dell’Amministrazione Provinciale di Lecco; Produzione: Scuola Elementare di Pasturo (LC); Durata: 17’34’’; VHS

Premi ottenuti: Premio del pubblico con una fiction al “Sottodiciotto Film Festival” di Torino.


MAGARI FOSSE VERO…
ISTITUTO COMPRENSIVO AZZATE

Sinossi: Un ragazzo di nome David frequenta l’ultimo anno dell’Istituto Superiore di Cinematografia, per diventare regista. Nella scuola arriva una nuova ragazza, che si chiama Chiara e spera di diventare una famosa attrice.
David, dopo aver superato l’esame a pieni voti, incomincia a dedicarsi al suo film che si intitola “Magari fosse vero…” e che parla della storia d’amore di due ragazzi (Lucia e Angelo) che devono affrontare i propri genitori che si oppongono al loro sogno di vivere insieme. David propone a Chiara di partecipare come protagonista al suo film e Chiara accetta con orgoglio.
David si innamora di Chiara e della sua bravura dimostrata sul set, e le confessa il suo amore; lei contraccambia gli stessi sentimenti.
Il film viene realizzato e proiettato in tutte le sale cinematografiche, e conquista il premio più ambito che ci sia. David e Chiara, come miglior regista e miglior attrice protagonista, stanno per essere premiati, ma al momento della consegna della statuetta…

Regia: Nicoletta Manenti & Roberto Della Bona; Sceneggiatura e Fotografia: Alunni e alunne della classe I E (media) dell’Istituto Comprensivo di Azzate; Montaggio: Nicoletta e Andrea Manenti; Interpreti principali: Davide Pagliarin, Marta Vincenzi, Vito Ballanzoni, Giorgio Moretto, Roberto Della Bona, Andrea Passera; Produzione: Istituto Comprensivo Azzate; Durata: 12’58’’ Hi8

SBALLO
SCUOLA MEDIA STATALE “ITALO CALVINO” – ITCS “DA VERRAZANO”- ROMA

Sinossi: Un gruppo di adolescenti stanchi della quotidianità e delle situazioni precostituite (la scuola, la famiglia) cercano realtà alternative dove appagare il proprio desiderio di nuove emozioni. Marzia, un’adolescente di 14 anni, navigando in Internet entra in contatto con un ragazzo che dichiara di “poter far volare la sua fantasia”; Sara, qualche anno più grande di lei, proietta nella danza ogni sua aspettativa per il futuro. Le situazioni che queste ragazze si trovano a condividere non sono tuttavia prive di rischi: Sara inizia a lavorare in discoteca come cubista, Marzia vive un’esperienza sentimentale con Nick, il “romantico internauta”, un individuo legato al mondo della discoteca e della droga. Nonostante la realtà palesi aspetti che tradiscono le aspettative delle ragazze aggrapparsi ad un sogno diviene l’unica spinta vitale.

Regia e Sceneggiatura: Classi III A e III B della SMS “Italo Calvino” (Roma); I A I.T.C. S G. Da Verrazano (Roma) sotto la guida della professoressa Invidia; Musica originale: E.Bossi, M.Furlani, L.Sergun, Shy; Fotografia: Enrico Idrofano; Montaggio: Massimo Bianchi, Enrico Idrofano; Interpreti principali: Raffaella Cennamo, Sara Gargari, Maurizio Falasca; Produzione: SMS Italo Calvino; Durata: 30’ VHS


UNA FINESTRA SU LARI
SCUOLA MEDIA PIRANDELLO (Classe II C) LARI

Sinossi: Documentario sul paese di Lari, sulle sue tradizioni, sulla sua storia rivissuta attraverso la vita e i personaggi dell’epoca.

Regia, sceneggiatura e montaggio degli alunni e degli insegnanti della classe II C della Scuola Media Luigi Pirandello di Lari.
Interpreti: Baldi Dimitri, Batoli Ilaria, Macchia Emanuel, Farroni Giulia e tutti gli altri alunni in parti secondarie.
Durata: 10 minuti.

Il lavoro è stato organizzato durante le ore di copresenza, all’interno di un’organizzazione scolastica a tempo prolungato.


UNA PICCOLA STORIA
Istituto Comprensivo Statale “MANUZIO” LATINA

Sinossi: Una giornata come tante altre in un luogo di periferia uguale a tanti altri. Un viaggiatore che racconta la vita attraverso gli occhi dei ragazzi. Il viaggio, l’attesa (il ragazzo che aspetta l’amico), l’incontro casuale invece con un’altra ragazza. Vita reale e irreale, fantasia e immaginazione che si incontrano, si scontrano, si amalgamano insieme in un’unica storia. Storia di oggi e di ieri con situazioni e problemi sempre uguali (guerre, razzismo, intolleranza, terrorismo) raccontate da ragazzi attraverso il linguaggio del cinema.

Regia: Faiola Gerardo; Sceneggiatura: Bertani M.G., Esposito P., Agresti G.; Montaggio: Tonino Zannettino; Interpreti: Alunni classi 2° e 3° sezioni A e B, Zanda M., Di Nunzio F.; Produzione: Laboratorio “Fare Cinema” Istituto Comprensivo Statale “Manuzio” Latina; Durata: 20 minuti.

 
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

XI CONCORSO


Eventi
<
Ottobre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- -- 01
02 03 04 05 06 07 08
09 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 -- -- -- -- --


I preferiti
Lenola e dintorni (14740)
GRUPPO INVENTA UN FILM - FACEBOOK (12373)
PAGINA INVENTA UN FILM - FACEBOOK (11991)
Lenola e dintorni extra (9902)
Cinecittà news (7210)
CineMio (6020)
Il corto.it (3850)
Screensaver rai (3323)
Siti di cinema e cultura (2891)
Cortomese (a cura di Inventa un Film) (2410)

 
 ©2007 inventaunfilm.it  P.IVA 01975730597
Contattami
Realized by Gianbattista Magni
Questa pagina è stata eseguita in 0,2148438secondi.
Versione stampabile Versione stampabile